Muore a 15 anni per amore


Potenza, si dà fuoco Muore a 15 anni per amore

E a Milano una coetanea si butta sotto il metrò. Ricoverata in gravi condizioni

POTENZA – Si è suicidato per una delusione d’amore. Aveva 15 anni Prasa, giovane liceale di origine indiana, figlio adottivo di una famiglia italiana. Morto sul colpo. A scuola stamane non era andato, ma si era fermato sulla scalinata vicina al Grande Albergo, nel centro storico di Potenza cospargendosi i vestiti di benzina. Sotto lo sguardo impotente di alcune persone che erano alle finestre del vicino Palazzo degli Uffizi, si è dato fuoco e poi si è lanciato dalla scalinata Mameli, morendo sul colpo. “Palla di fuoco”. Chi ha visto il ragazzo ha detto che sembrava “una palla di fuoco”. Un dipendente dell’Agenzia per il territorio di Potenza ha riferito: “In un primo momento – racconta il testimone – ho avuto l’impressione che qualcuno avesse lanciato un sacchetto dell’immondizia dopo averlo incendiato. Poi quando ho visto il ragazzo disteso sull’asfalto, ho capito cosa era successo”. In Italia da 13 anni. Prasa frequentava il liceo scientifico Galileo Galilei di Potenza. Era in Italia dal 1996, da quando l’aveva adottato una famiglia di Pignola, paese a pochi chilometri dal capoluogo lucano. Prima di darsi fuoco, il ragazzo ha inviato un sms ma finora gli investigatori non hanno voluto svelare a chi ha indirizzato il messaggino. Parole di disperazione per un amore finito troppo presto. Appoggiato a terra, ha lasciato lo zainetto: non c’erano libri stamane ma la tanica di benzina usata per uccidersi. Tentato suicidio in metropolitana. A Milano stamattina una coetanea di Prasa, si è lanciata sui binari mentre un treno della metropolitana stava arrivando alla stazione Primaticcio sulla linea 1 del metrò. La giovane è stata estratta viva e portata via con una ambulanza. E’ in gravi condizioni. La circolazione dei treni sulla linea 1 in direzione Bisceglie ha subito, inevitabilmente, rallentamenti.

Advertisements